Crea sito
 
 
 

Inaugurato il 1° Maggio del 1959, il Corpo Musicale Albignanese è il fiore all’occhiello delle attività culturali di Albignano.

Nato con la precisa e ferma volontà dell’allora parroco di Albignano (l’indimenticabile Don Cornelio Cossu) di aggiungere ed unire, con uno spirito di collaborazione e passione musicale i giovani del paese, si ripropone ancora oggi con le stesse intenzioni.

Il grande artefice della nascita e della formazione di quel primo gruppo di “Amici” fu senza ombra di dubbio il Maestro Pavesi Edoardo che partendo dal nulla è riuscito nel settembre del 1958 a radunare attorno a se ben 35 allievi che di musica certamente conoscevano ben poco ma che nel giro di pochi mesi riuscì a portare ad un livello tale da potersi esibire: un organico completo in tutte le sue figure che si esibì la prima volta il 1° Maggio 1959.

Per la realizzazione di tutto ciò dobbiamo ringraziare ancora oggi la disponibilità dei cittadini di Albignano che con grande sacrificio si tassarono per poter acquistare tutti gli strumenti e tutte le divise.

Ancora oggi questo attaccamento nei confronti della “Banda” come è comunemente chiamata, non viene meno ed è grazie ai cittadini che questa associazione si mantenuta fino ai giorni nostri, e non dimentichiamo certo anche le varie amministrazioni che si sono succedute negli anni che ci hanno sostenuto ben consci dell’importanza storica e culturale del Corpo Musicale Albignanese.

Nel corso degli anni sono cambiate  le mode e i generi musicali ne hanno seguito le impronte; così è stato anche per la Banda che ha saputo adattarsi modificando i suoi programmi spaziando dal panorama della musica classica fino ad arrivare alle proposte della musica ritmica moderna, senza dimenticare il classico ed intramontabile biglietto da visita della “Banda: Le Marce che accompagnano da sempre le varie manifestazioni o cerimonie alle quali partecipano.

Per dare seguito a questa trasformazione anche i direttori e maestri nel corso degli anni sono cambiati ed ognuno ha cercato di dare la propria impronta pur adeguandosi alle aspettative dei giovani che si sono avvicinati alla musica. Ultimo ma non meno importante è il Maestro Francesco Sudati.

Attualmente siamo molto impegnati anche nella gestione della scuola allievi dalla quale ci aspettiamo molto, ben consapevoli che per mantenere in vita l’associazione come la nostra bisogna saper amalgamare tutte le fasce di età in un piccolo obiettivo che è “La Musica”.